Strutture Congressuali

Sapore & tradizioni

bergamocard

I vini della Valcalepio

La Valcalepio è una parte dell'area collinare compresa tra i fiumi Cherio e Oglio, in provincia di Bergamo, di notevole interesse paesaggistico e culturale. Il nome "Calepio" deriverebbe dal termine greco "Kalos-Epias", il cui significato è "Terra buona, Terra dolce". Il terreno fertile e la temperatura mite per la vicinanza del lago sono infatti ideali per la crescita della vite e la produzione di vini di qualità. Scavi archeologici hanno attestato la presenza di insediamenti romani che si erano stanziati in questa accogliente vallata. Oggi la Valcalepio si presenta come un'area molto attiva per la presenza di numerose industrie ed è molto conosciuta in tutta Italia soprattutto per la produzione di pregiati vini DOC, tra i quali spicca l'eccellente Moscato di Scanzo Passito DOC, vero punto di forza dell'enologia bergamasca. Il Valcalepio ha rappresentato la rinascita dell'enologia in terra bergamasca, soprattutto agli inizi degli anni '70. Grazie alla sperimentazione e all'impianto di alcuni vitigni autoctoni e di altri vitigni miglioratori, si è giunti alla sua certificazione DOC (1976) nelle tipologie rosso, bianco e moscato passito. Sopravvivono inoltre anche alcune varietà autoctone quali: Merera, Altulina, Gafforella, anche se queste non rivestono grande importanza nel panorama enologico bergamasco. L'istituzione del Consorzio Tutela Valcalepio ha costituito un importante mezzo per facilitare e tutelare i vini bergamaschi, tanto che oggi la provincia di Bergamo può vantare una produzione di ottimo livello, in grado di competere a livello nazionale e internazionale. Nel 1993 è stata apportata una modifica al disciplinare con l'introduzione di una nuova tipologia di vino rosso, La Riserva, caratterizzata da un maggior periodo di invecchiamento che esalta le qualità del vino. Con l'approvazione di questo nuovo decreto si tende a dare maggiore importanza alla coltivazione e alla lavorazione dei vitigni autoctoni quali il Moscato Passito.